Il nuovo contratto integrativo aziendale

Raccontare come siamo arrivati in fondo a questo contratto mi fa tornare indietro a circa due mesi fa, alla fine dell’estate quando mandai una mail a tutta la RSU dicendo che sostanzialmente o chiudevamo il contratto o questa RSU non aveva ragione di essere stata eletta. Da questa mail le cose sono cominciate a partire, abbiamo costituito un gruppo di lavoro che ha riscritto da zero punto per punto il testo del contratto che leggerete.

Da settembre e novembre ci saremo visti 15 volte, gruppo di lavoro, RSU Trattative un sacco di tempo speso, ma guardando e leggendo il testo di questo contratto, speso bene.

Parlando con i vecchi compagni che sono ancora in azienda, da cui ho imparato a fare sindacato, emerge un fatto consistente e cioè è la prima volta dopo tanti anni che si ottengono risultati sul piano delle regole e dei diritti individuali. Nel periodo in cui le fasce per tutti arrivavano ogni 2 o 3 anni, sindacalisti e lavoratori erano concentrati sui soldi, e la ricerca di migliorare le condizioni individuali sui diritti era messa in secondo piano.

Questo contratto porta con se un buon risultato sulla parte economica garantendo i passaggi economici ai 1143 potenziali aventi diritto nel triennio 2017-2018-2019 e per due volte il corrispettivo di una fascia economica cioè una bi-tantum negli anni 2018-2019 per il restante personale.

Ma quello di cui sono particolarmente contento è appunto la parte normativa che ottiene i seguenti risultati:

  • La trasparenza dei nostri cartellini con indicate ore lavorate giornaliere, e la tracciabilità delle ferie richieste approvate e negate.
  • Il tempo di cambio divisa per il personale turnista che passa da 5’+5’ a 7’+7’.
  • Per tutto il resto del personale non turnista e per tutti i lavoratori che indossano una divisa, il tempo di vestizione è compreso all’interno dell’orario di servizio con slittamento dell’orario di lavoro in entrata pari a 7 minuti e anticipo in uscita pari a 7 minuti.
  • Il riconoscimento al personale turnista che espleta il 2° turno, della detrazione di soli 10 minuti al posto dei 30 precedenti, mantenendo il diritto alla pausa invariato.
  • Il riconoscimento al personale del territorio del diritto al servizio sostitutivo mensa dopo 5 ore di servizio.
  • Il riconoscimento del tempo di viaggio per la formazione interna obbligatoria.
  • L’ampliamento delle motivazioni di utilizzo dell’Art.21 a rogiti notarili, visure INPS, disbrigo pratiche nella PA e accompagnamento anche del convivente a visite mediche.
  • L’interruzione delle ferie anche per lutto.
  • La Mobilità d’urgenza all’interno dello stesso Presidio e in altri deve essere disposta tramite Ordine di servizio e quindi tracciabile.
  • L’avvio di progetti particolari per l’esonero dai turni notturni del personale oltre i 60 anni che ne faccia richiesta.
  • Nuovo Regolamento sulle Posizioni Organizzative, questo nuovo regolamento accoglie totalmente le richieste della RSU di diminuire il massimale delle posizioni organizzative senza la possibilità di cumularle con libera professione, docenze, consulenze esterne e indennità accessorie.

Numerosi sono stati i momenti di difficoltà con la delegazione di parte pubblica anche noi lasciamo sul tavolo alcune questioni importanti ma devo ammettere che c’è stata grande collaborazione e la volontà sopratutto da parte della Capo delegazione la Dott.ssa Berni di arrivare in fondo a questo importante lavoro.

L’anno 2018 aprirà quindi per i lavoratori della ASST Melegnano e Martesana con un nuovo contratto, risorse economiche e concorsi per l’assunzione di 15 infermieri a tempo indeterminato.

tutto ciò è stato possibile grazie alla collaborazione serrata di tutti i delegati CGIL: Corsini, Dal Ben, Vorraro, Canette, Fossati, Lomi, i nostri funzionari esterni Amati e Guarneri e di tutti gli altri componenti della RSU con cui abbiamo lavorato in sinergia.

Adesso manca ancora un passaggio importante: le Assemblee dei lavoratori che dovranno ratificare il contratto nella sua interezza.  Vi aspettiamo numerosi !

emiliano zambarbieri – coordinatore della CGIL Aziendale

testo contratto integrativo

Questa voce è stata pubblicata in CGIL, comunicati e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *